Domenica, 27 Ottobre 2013 19:01

Regolamento stagione agonistica 2013/2014

Scritto da 
ART 1. Gli Allenamenti
Gli atleti sono tenuti a frequentare con regolarità gli allenamenti rispettando rigorosamente gli orari. Sono previsti 3 allenamenti per gli esordienti C, 3 allenamenti per gli esordienti B e 4 allenamenti per gli esordienti A. Le eventuali assenze dovranno essere giustificate e tempestivamente comunicate all’allenatore.

ART 2. Le Gare
 Gli atleti sono tenuti a partecipare alle gare o manifestazioni sportive in cui sono convocati. Le eventuali assenze dovranno essere giustificate e tempestivamente comunicate all’allenatore affinché sia possibile programmare la stagione sia per l’intera squadra, che per le particolari necessità dei singoli. Gli atleti dovranno indossare il vestiario sociale fornito dalla società sia durante gli allenamenti che nelle gare ufficiali (borsa, cuffia, maglietta, pantaloncini). Gli atleti dovranno rispettare rigorosamente l’orario di riscaldamento pre-gara e di gara, e partecipare ad eventuali premiazioni con abbigliamento sociale. Il “cartellino gara” che l’allenatore consegnerà all’atleta ad ogni manifestazione, dovrà essere riconsegnato all’allenatore stesso al termine della giornata di gara.

ART. 3 I Tecnici
- la programmazione e l’esecuzione degli allenamenti.
- la convocazione degli atleti e la loro iscrizione alle gare individuali.
- la formazione e l’iscrizione delle staffette ove previste.

ART 4. Provvedimenti Disciplinari
 Gli atleti sono tenuti a rispettare i valori etici e di convivenza, elementi fondamentali dell’attività sportiva.
Non saranno accettati:
-  prepotenze tra ragazzi all’interno della società e nei confronti di appartenenti ad altre squadre.
- comportamenti irriverenti verso allenatori, accompagnatori, avversari e giudici di gara.
- danni agli spogliatoi, al materiale utilizzato e agli ambienti comuni della piscina.
Il mancato rispetto di questi punti provocherà provvedimenti disciplinari nei confronti dell’atleta, presi di comune accordo tra il Presidente e l’allenatore.
Si richiede agli atleti la massima educazione e rispetto nei confronti dei tecnici, dei compagni e dei dirigenti societari. Si richiede inoltre un’adeguata responsabilità negli impianti dove si svolgono gli allenamenti e nelle varie manifestazioni sportive. Si raccomanda infine un comportamento leale e sportivo nei confronti degli avversari e dei giudici di gara.

Lascia un commento

Assicurati di inserire (*) le informazioni necessarie ove indicato.
Codice HTML non è permesso.